Home Economia Ludopatia, stop alle sale vlt in Italia

Ludopatia, stop alle sale vlt in Italia

Appello di Agcai al premier Conte: “Le videolottery sono macchine infernali che incentivano il gioco d’azzardo”

45
0
SHARE

ROMA – “Lanciamo un appello al premier Giuseppe Conte: si batta con noi per eliminare progressivamente dall’Italia le pericolosissime videolottery che infestano le nostre città e gettano sul lastrico migliaia di famiglie. I dati più recenti sulla ludopatia dicono che il nostro Paese è gravemente malato, e che bisogna agire subito. In qualità di ‘Avvocato degli italiani’ difenda i cittadini dal gioco d’azzardo”.

E’ quanto afferma Benedetto Palese, presidente di Agcai, l’associazione dei Gestori e dei Costruttori degli impianti di intrattenimento, annunciando una conferenza stampa che si terrà giovedì 28 giugno 2018 alle 11,30 presso la sala stampa della Camera dei deputati alla presenza dei deputati Michela Rostan (vicepresidente della Commissione Sanità) e Gianluca Cantalamessa (componente della Commissione Giustizia).

“ Nei primi sei mesi del 2017 – osserva Palese – gli italiani hanno puntato oltre 37 miliardi di euro (la raccolta), una cifra davvero enorme, con gravi ricadute sulla salute di centinaia di migliaia di famiglie. Le persone che presentano forme di ludopatia, secondo una recente indagine, in Italia sono circa 790.000. Di queste, l’86% è disoccupato o cassintegrato, il 43% è indigente, il 56% ha un reddito medio-basso. Ma il dato che più preoccupa – aggiunge il leader di Agcai – è che gli italiani a rischio di patologia sono oltre 1.750.000. E’ stato altresì calcolato che per ogni giocatore patologico grave il costo annuale delle cure a carico dello Stato si è attestato, lo scorso anno, intorno ai 38 mila euro”.

“Ecco dunque che le numerosissime sale con videolottery presenti ormai in ogni angolo delle nostre città hanno creato un allarme sociale crescente grazie alla perdita oraria di questi micidiali apparecchi che impoveriscono qualsiasi giocatore in pochissimi minuti, nuocendo gravemente alla loro salute. Le videolottery – sottolinea ancora Palese – sono ben diverse dagli apparecchi di divertimento e intrattenimento, che proponiamo di rendere ancor più inoffensivi stabilendo un costo simile a quello dei flipper o dei calciobalilla. Chiediamo dunque al governo di passare ai fatti ponendo un argine a questa deriva dell’azzardo e difendendo il diritto alla salute dei cittadini. Sì all’intrattenimento, stop alle sale vlt e all’azzardo che rovina gli italiani”.

Rispondi