Home Attualità Bocciato in quarta superiore, studente si getta sotto il treno Regionale a...

Bocciato in quarta superiore, studente si getta sotto il treno Regionale a 18 anni.

175
0
SHARE

MONTAGNANA (Padova) – A Borgo Veneto, poco distante da un passaggio a livello, a lanciarsi sui binari davanti a un treno in corsa è stato uno studente di 18 anni che abitava a Megliadino San Vitale nella bassa padovana, a poca distanza dal luogo della tragedia. Nessun messaggio di addio, nessun biglietto, nessun atteggiamento che lasciasse intuire i suoi propositi, il 18enne non aveva fatto presagire nulla di preoccupante né in famiglia, nè agli amici e ai compagni di classe, ma quella bocciatura in quarta liceo , lo ha scioccato a tal punto da suicidarsi. La famiglia l’aveva salutato augurandogli buona giornata non si aspettava un dolore così grande.
– Quello che strazia ciascun adulto, genitore, docente , è il senso di solitudine vissuto in quel momento, il fatto che possa aver avuto la percezione di trovarsi “solo” e di essersi sentito incompreso. Di aver pensato di essere lui stesso il problema è un dolore che devasta. Nessun alunno può sentirsi inadeguato, semplicemente perché non lo è. Gli studenti sono piante che stanno germogliando e devono ancora svilupparsi. Una pianta può avere più o meno bisogno di cure, a seconda della propria natura, ma prima o poi ognuna di esse maturerà e darà i suoi frutti e sarà fondamentale per la società. Ricordate che, quando tutto sembra perduto, parlare con una persona adulta, pronta ad ascoltarvi, può far emergere soluzioni che potrebbero sfuggirvi e farvi vedere il lato migliore delle cose. Ma questo può farlo chi domina le emozioni. La morte non ha rimedio, è una non soluzione. Vivere è l’esperienza più bella e necessaria per imparare che ognuno di noi è importante per gli altri. Le difficoltà si superano insieme. Sta alle istituzioni, a far comprendere che nessuno è solo ed abbandonato a se stesso, perchè è parte di questa società. Sappiate che il fallimento è la strada per imparare. Ognuno di noi impara sbagliando.
L’intera comunità in cui viveva il ragazzo è sotto choc. Il diciottenne era molto attivo nell’associazionismo locale. Martedì sera organizzata una fiaccolata in sua memoria.

Rispondi