Home Economia Borsa della Ricerca, a Milano l’ottava tappa del tour nazionale

Borsa della Ricerca, a Milano l’ottava tappa del tour nazionale

Posticipata la call per partecipare al X forum nazionale. C’è tempo sino al 12 aprile per candidarsi

116
0
SHARE

MILANO – L’ottava tappa del tour 2018 – 2019 della Borsa della Ricerca è stata presentata presso “Spazio Campania” di Milano.

Il Tour è il road show di presentazioni della Borsa della Ricerca, la manifestazione che ogni anno fa incontrare al Campus di Fisciano (Sa) centinaia di delegati del mondo aziendale e universitario (gruppi, dipartimenti, spin off) ma anche start up e investitori pubblici e privati, dando vita a nuove collaborazioni e nuove opportunità di sostegno economico alla ricerca: il progetto, dal 2010 al 2018, ha visto l’organizzazione di oltre 8.000 incontri che hanno dato vita a oltre 1.000 collaborazioni.

Ciascuna tappa prevede una tavola rotonda con alcuni testimonial che hanno preso parte al Forum 2018, che raccontano la loro esperienza e gli obiettivi che possono essere raggiunti con la partecipazione al Forum.

Alla Tappa di Milano, moderata da Tommaso Aiello, presidente della Fondazione Emblema e coordinatore della “Borsa” sono intervenuti  Valeria Fascione (assessore all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione della Regione Campania), Luca Federici (tecnologo area ricerca Università di Milano Bicocca), Giovanni Rizzo, chief of innovation division ZCube Zambon Group), Alessandro Sala (business developer Fondazione U4I), Niccolò Sanarico (dealflow manager & CTO dPixel) e Daniela Aleggiani (Vicepresidente e Segretario Generale di Fondazione 3M).

La Borsa della Ricerca è realizzata in collaborazione con l’Università di Salerno e con Sviluppo Campania, società in-house della Regione Campania e rientra nel “Piano di implementazione e Piano di comunicazione della RIS3 Campania”.

“Il trasferimento tecnologico è un fattore critico di successo per lo sviluppo dei territori – ha sottolineato l’assessore Fascione , in grado di trasformare le attività di ricerca in innovazione, e produrre ritorno economico attraverso la creazione di nuovi prodotti e servizi. Funziona quando il mondo accademico e quello imprenditoriale si trovano a convergere, supportati e sostenuti da politiche volte a generare forme di collaborazione efficaci. In questo senso la Borsa della Ricerca è tra i principali eventi nazionali di business matching che favorisce l’incontro tra aziende e organismi di ricerca. Come Giunta regionale abbiamo riposto grande attenzione a questa connessione e sul trasferimento tecnologico, sulla valorizzazione dei talenti e sull’open innovation abbiamo concentrato importanti risorse della programmazione FESR 2014-20 in ambito Ricerca, Innovazione e Digitalizzazione”.

“Siamo già al lavoro per la X edizione della BdR in programma a fine maggio a Salerno – ha raccontato Tommaso Aiello – anche quest’anno abbiamo voluto organizzare un tour in giro per l’Italia per raccontare la manifestazione attraverso la testimonianza di chi vi ha già partecipato, crediamo così che la qualità e la quantità dei delegati che interverrà possa aumentare ancora”.

Intanto  stata posticipata la call rivolta ad un massimo di 15 soggetti campani, tra Start up, Distretti ad Alta Tecnologia, Laboratori Pubblici e Privati, Aggregati Pubblici e Privati, Centri di Ricerca che consentirà di partecipare al Forum della Borsa della Ricerca, in programma al Campus dell’Università di Salerno, dal 28 al 30 maggio prossimi.

I soggetti che desiderano partecipare devono rispettare le seguenti caratteristiche: avere sede legale e/o operativa nella Regione Campania, operare in uno o più ambiti di applicazione della RIS3 Campania e declinare lo stadio di sviluppo del prodotto/servizio, eventuali brevetti, il team di lavoro attraverso la compilazione di una scheda tecnica.

Le candidature devono pervenire via pec a Fondazione Emblema entro il 12 aprile alle ore 12.00.

Gli enti saranno selezionati da una Commissione di valutazione che provvederà a stilare una graduatoria delle domande pubblicata sul portale borsadellaricerca.it entro il 26 aprile 2019.

I primi 15 soggetti in graduatoria verranno ammessi a partecipare alla Borsa della Ricerca 2019.

In particolare hanno già confermato la presenza gruppi e centri di ricerca, spinoff e TTO di ateneo provenienti da 28 Università come: Bologna, Catania, Genova, Università del Salento, Scuola Superiore S. Anna, Padova e, fra le altre, aziende come Parmalat, Electrolux, Luxottica, Maserati&AlfaRomeo, GlaxoSmithKline, IBM e Yoox.

Anche per questa edizione, al termine della terza giornata dedicata alla sessione di Pitch, dove Spin off, start up e gruppi di ricerca, si alterneranno per presentare la loro idea di business, saranno consegnati i BdR Awards: premi in servizi pensati per sostenere concretamente le realtà partecipanti e trasformare le idee in progetti innovativi.

Fra le conferme delle realtà che consegneranno i premi: Amadori, Meta Group, Microcredito Italiano, Banca Sella e G-Factor Incubatore della Fondazione Golinelli.

Rispondi