Home Economia Cassa ragionieri approva assestamento bilancio 2016

Cassa ragionieri approva assestamento bilancio 2016

206
0
SHARE
Luigi-pagliuca
LA CASSA RAGIONIERI APPROVA L’ASSESTAMENTO AL BILANCIO 2016 
L’UTILE E’ DI 35 MILIONI DI EURO AL NETTO DEGLI ACCANTONAMENTI 
Il Comitato dei Delegati della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, presieduto dal Presidente Luigi Pagliuca, ha approvato oggi pomeriggio le variazioni al bilancio di previsione per l’anno 2016.
“A seguito dell’assestamento di bilancio – spiega Pagliuca – il 2016 si chiude con un utile di 35 milioni circa, al netto degli accantonamenti per rischi di oscillazione dei valori mobiliari e per le svalutazioni dei crediti verso iscritti e conduttori degli immobili detenuti. Si prevede che i proventi per contributi 2016 siano pari a 297 milioni circa, a fronte di una spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali di 244 milioni. I costi per servizi si prevedono in crescita nel 2016 del 6,62% rispetto al consuntivo 2015 per un importo di 6,4 milioni di euro, mentre i costi del personale si prevedono sostanzialmente in linea con il consuntivo 2015 e si prevede siano pari a 4,97 milioni”.
Le svalutazioni dei crediti verso iscritti ed inquilini iscritti nell’assestamento della previsione 2016 portano ad una rettifica del valore dei crediti a 16,25 milioni, mentre la rettifica per i rischi di oscillazione delle immobilizzazioni finanziarie è previsto per il 2016 in euro 16,09 milioni. Il rendimento della componente mobiliare del patrimonio si prevede per il 2016 pari a 39,1 milioni con un rendimento lordo complessivo dell’1,9%.
Il numero degli iscritti tra attivi e pensionati in attività che continuano la contribuzione previdenziale presso Cnpr è stimato in 29.200.
L’aliquota minima del contributo soggettivo per l’anno 2017 è elevata al 14%, proseguendo il percorso di elevazione dell’aliquota minima del contributo soggettivo che raggiungerà nel 2018 la soglia del 15%.
I delegati hanno anche esaminato il bilancio tecnico attuariale, che annualmente è redatto dall’ente ai fini del monitoraggio dell’andamento del fondo previdenziale a seguito della riforma approvata nel novembre del 2012.

Rispondi