Home Eventi Il Castello Baronale apre le porte: “Piero arriva al traguardo delle 50...

Il Castello Baronale apre le porte: “Piero arriva al traguardo delle 50 candeline”.

1446
0
SHARE

Castello Baronale di Sant’Antimo –
un luogo unico nel suo genere, chi lo vede per la prima volta nella vita, si domanda se, arrivando in provincia di Napoli, ha sbagliato strada oppure si trova magicamente nel medioevo . Uno splendido complesso architettonico, un luogo affascinante, silenzioso e interessante, dove si può godere di panorami, atmosfere di altri tempi. Pietro Francesco Maria Giannangeli, per gli amici semplicemente Piero, dopo tanti anni apre le porte del suo castello ad amici intimi e compagni di liceo (liceo Bianchi di Napoli), tra cui il famoso gioielliere napoletano Presta e la famiglia Paone (Kiton- Alta e pregiata sartoria), il
Dott. R. Mariniello e la moglie Avv. A. Muscolo. C’è un aneddoto molto carino che mi ha raccontato il papà di Piero:
-riferisce A. Muscolo- “Dumas ha narrato di questo castello in un suo libro”.
(Dumas autore di grande successo, è stato uno scrittore e drammaturgo francese, Maestro del romanzo storico e del teatro romantico). Sono centinaia le foto che raccontano della festa esclusiva e blindatissima organizzata questa sera. Il catering di altissimo livello, con finger food eleganti e raffinati della pasticceria Sepe; un’arte, fatta di esperienza, talento e classe.
Pietro è un imprenditore che ama l’arte e la filosofia, grande appassionato di alta cucina stellata. Pietro festeggia il suo cinquantesimo compleanno, arrivando alla famosa e tanto temuta “mezza età”: un momento in cui si tirano le somme di ciò che si è fatto fino a questo momento e si pensa a come impostare, se necessario ex novo, il resto della vita.  Raggiunto il mezzo secolo, le energie non mancano e quindi… è ora di pensare a festeggiare i 50 anni in modo indimenticabile! Piero dedica l’evento alla moglie, una nobildonna, Stefania D’Onofrio e alla figlia Ludovica di 11 anni ( la cocca di papà). Piero racconta: “Il Castello Baronale fu costruito a Sant’Antimo in epoca rinascimentale; invece la torre centrale e i torrioni laterali rimandano all’originaria struttura medievale. Dopo la legge eversiva del 1807 sui fidecommessi, il sistema feudale venne abolito, di conseguenza ai proprietari feudali di Sant’Antimo successero dei possessori privati”. Ai nostri giorni, il Castello è proprietà della famiglia Giannangeli. Il trisavolo di Pietro Giannangeli ha acquistato il castello nel 1880.

Rispondi