Home Ssc Napoli Champions League Sarri sfoglia la margherita e decide la formazione

Champions League Sarri sfoglia la margherita e decide la formazione

321
0
SHARE
Champions League Sarri sfoglia la margherita per decidere la formazione.

Champions League Sarri sfoglia la margherita per decidere la formazione.

Vigilia di Champions League per gli azzurri che preparano col massimo impegno la partita con gli ucraini della Dinamo Kiev, partita decisiva ai fini della qualificazione agli ottavi di finale della massima competizione continentale. Sarri nutre molti dubbi sulla formazione da mandare in campo e come si suol dire sfoglia la classica margherita per tentare di mettere su la  formazione migliore da contrapporre alla squadra della capitale ucraina, ormai fuori dai giochi della Champions League. Ciò nonostante la Dinamo non si immedesimerà certamente nel ruolo di vittima sacrificale, come è giusto che sia, pertanto bisogna prendere la gara con le molle.

Tuttavia, al di là dei dubbi ci sono anche alcune certezze: Reina, Hysaj, Koulibaly, Ghoulam, Hamsik e Callejon. Questi calciatori per il tecnico azzurro sono inamovibili, difatti giocano sempre. Quindi veniamo alle incertezze di Sarri. Il primo dubbio riguarda il ruolo di centrale difensivo destro. Difficile ipotizzare che possa rientrare Albiol. È lui il titolare ma manca da 60 giorni. Chiriches, attualmente, si fa preferire all’ex torinista Maksimovic che però è più riposato. A naso dovrebbe giocare, come a Udine, il capitano della squadra rumena, ma non è sicuro al 100%.
Più complicato il discorso riguardante il centrocampo. Data per scontata anche la presenza di Hamsik, il dubbio resta tra chi schierare al suo fianco.Finora Sarri ha sempre alternato Allan e Zielinski. Probabile che lo farà anche questa volta e mettiamo che, giocherà Zielinski. Adesso in cabina di regia il titolare è diventato Diawara, ma l’ex bolognese non può giocare sempre, per cui potrebbe essere il turno di Jorginho, ragionando sempre per ipotesi.

Infine il rebus più grande riguarda il reparto offensivo: Callejon non si discute. Insigne ha realizzato due gol a Udine, quindi difficile pensare di tenerlo fuori. Al centro dell’attacco il più in palla è sicuramente Mertens e dovrebbe toccare ancora al belga partire titolare,  con Gabbiadini in panchina,  anche per poter avere una carta a disposizione in caso di necessità. Ma far partire Gabbiadini dalla panchina per l’ennesima volta non so fino a che punto possa giovare all’attaccante bergamasco, già in odore di depressione  morale. Insomma Sarri non ha ancora scelto  la formazione per questo delicatissimo match di Champions League, forse il  più importante della stagione, in chiave futuro. Solo domani pomeriggio, però l’allenatore del Napoli scoprirà le sue carte, quindi non ci resta che attendere sperando che la margherita abbia funzionato!

 

Rispondi