Home Benessere Digiuno: meno cibo fa bene al cervello e allunga la vita

Digiuno: meno cibo fa bene al cervello e allunga la vita

324
0
SHARE
digiuno-dieta-per-il-cervello

Digiuno, meno cibo, fa bene al cervello e allunga la vita! Contrastare l’invecchiamento cellulare e rafforzare il sistema immunitario e nervoso è possibile.
Il professore, Valter Longo, Direttore dell’Istituto di Longevità della University of Southern California e un gruppo di scienziati italo americani, lo affermerebbe.
Come? Attraverso una speciale dieta anticancro che simula gli effetti del digiuno.
La periodica eliminazione di alcuni nutrienti, realizzata in modo strategico e programmato, svolge una funzione anti-cancerogena. Basterebbero, secondo questi ricercatori, solo 5 giorni al mese, di questa speciale dieta, battezzata “mima digiuno”.

Non si tratta, quindi, di un deciso digiuno vero e proprio, ma questa azione ne simulerebbe le reazioni sull’organismo. Avrebbe, effetti rigeneranti e allo stesso tempo di protezione e sopratutto, di lunga durata su tutto l’organismo.
Questa speciale dieta, sarebbe basata, essenzialmente, su una “riprogrammazione” del proprio corpo in modo da determinare un processo di invecchiamento più lento ed un contemporaneo ringiovanimento del sistema immunitario attraverso le cellule staminali.

Lo studio avrebbe messo in evidenza che questo avviene anche nel cervello, in cui la dieta potenzierebbe la rigenerazione neurale e migliorerebbe l’apprendimento e la capacità della memoria. Questa dieta, studiata specificatamente per mimare il digiuno, è composta da proteine, carboidrati, e grassi da assumere in specifiche percentuali, ottenendo una riduzione calorica complessiva compresa tra il 34% e il 54% del normale. Dopo numerosissimi test effettuati su topi, la dieta del digiuno è stata testata anche sull’uomo.
Lo studio realizzato su 19 soggetti, dimostrerebbe che la dieta, applicata una volta al mese per cinque giorni, ridurrebbe i fattori di rischio e gli indicatori biologici di invecchiamento, diabete, malattie cardiovascolari e cancro. A giudizio dei ricercatori del team di Valter Longo la maggior parte delle persone potrebbe tranquillamente effettuare la dieta speciale, ogni 3/6 mesi a seconda della situazione di circonferenza addominale e stato di salute generale.
La dieta potrebbe essere consigliata dal medico fino ad una volta ogni due settimane invece, per soggetti obesi o a rischio più elevato.

Rispondi