Home Economia Economia Circolare: ecco cosa non dovrebbero trascurare le nuove start up

Economia Circolare: ecco cosa non dovrebbero trascurare le nuove start up

255
0
SHARE

di Carla Schiavo

Innovazione associata ad amore per l’ambiente e riciclo. Dalla moda del riciclo creativo per gli arredamenti interni ed esterni alla green economy. Negli ultimi tempi una fetta dell’economia si oppone al capitalismo e al consumismo sfrenato e smodato e pone l’accento sul riutilizzo, dando una nuova vita ad alcuni oggetti e rendendo vintage altri, rimettendoli sul mercato in maniera circolare.

Lo scenario per i prossimi anni, prospettato da un rapporto di GreenItaly del 2017 è di un aumento di circa 3 miliardi di consumatori entro il 2030, che spingereranno la domanda di beni e servizi a livelli mai registrati. Come si potrà gestire un tale incremento?

“Un concetto molto discusso ma sempre innovativo – afferma l’Ing. Francesco Mazzeo, specializzato in sicurezza sul lavoro e ambiente – è il riuso ma soprattutto l’allungamento della vita del prodotto. Bisogna ritornare a progettare un prodotto in funzione della resa nel tempo”.

Questa è una delle soluzioni proposte per un problema annoso, del quale si è discusso al convegno “Economia Circolare, il valore della sostenibilità” tenutosi presso la sede di Confindustria di Napoli.

A sorprendere è il dato sulla Cina e la sua inversione di tendenza. La potenza economica più forte al mondo, negli ultimi anni ha infatti fatto retro front, risultando il maggiore investitore mondiale nell’ambiente.

L’economia circolare vuole appunto riutilizzare le materie in modo circolare, infatti sono sempre di più le aziende che si adeguano ai ritmi di produzione, che devono controllare le immissioni e curare lo smaltimento dei materiali prodotti, anche e soprattutto dopo esser stati messi sul mercato. Come il riciclo delle bottiglie di plastica delle aziende di acqua.

Una forte spinta si registra anche dall’unione europea che lo scorso anno ha emanato un pacchetto sull’economia circolare.
Ma tutto questo, ancora non basta. Si rende sempre più necessario cambiare il business model, basandolo sull’economia circolare e adattondolo al mercato.

 

Rispondi