Home Economia Fast Cofsal, il sindacato moderno che tutela i lavoratori

Fast Cofsal, il sindacato moderno che tutela i lavoratori

Il vulcanico Pietro Serbassi alla guida dell’organismo che raccoglie ventimila iscritti

144
0
SHARE

Capita raramente di imbattersi in interlocutori autorevoli non solo attenti ai temi dell’ information e communication technology ma che anche si facciano essi stessi promotori di soluzioni altamente innovative.

Tutto ciò diventa ancora più significativo se il soggetto in questione è un sindacato.

La Fast/Confsal nasce nel 1999 e questa sigla sindacale raccoglie circa 20000 iscritti in diversi comparti, dall’aereo al ferroviario, dall’autotrasporto al marittimo, dal trasporto pubblico non di linea al trasporto pubblico locale.

Uno dei principali artefici della crescita e del successo di questo sindacato autonomo è un vulcanico marchigiano di 55 anni, Pietro Serbassi, dal 2012 Segretario Generale, artefice del passaggio dell’allora Sma (Sindacato Macchinisti Autonomi ) all’attuale Fast/Consal dal 2012 Segretario Generale.

Passato da macchinista nelle Ferrovie Dello Stato, è oggi dipendente di Trenitalia con la qualifica di Professional.

Sempre attento ed anticipatore dei cambiamenti, ha organizzato la sua federazione seguendo una vision che vede il sindacato non solo focalizzato sulla difesa dei propri iscritti ma anche come soggetto innovatore in termini di proposte, soluzioni tecniche non solo in Italia ma anche all’estero.

La sua esperienza nel Genio Ferroviario dell’Esercito Italiano ha radicato tra i suoi valori  portanti la lealtà alle istituzioni; da tanti anni di attività sindacale, l’importanza di risultare sempre e comunque equidistanti dal mondo politico. Spesso guardati con sospetto da chi governa ma anche apprezzati per la capacità di confrontarsi al tavolo del confronto non come “servi sciocchi” ma  come interlocutori indipendenti ed altamente professionali.

Tante piccole, grandi “battaglie” per l’ammodernamento della rete ferroviaria italiana, una per tutte la realizzazione di una nuova stazione (fondi già deliberati e stanziati) alla stazione di AV di Foggia Cervaro. Tale intervento ridurrebbe ed ottimizzerebbe  i tempi di percorrenza sia dei treni di alta velocità sia di quelli regionali nel nodo di Foggia.

Il sindacato edita anche un organi d’informazione :“La Voce Trasporti & Diritti” mensile di politica sindacale on-line che rappresenta le istanze del settore.

Rispondi