Home Attualità Giudice di Napoli finito in carcere. In manette altre 4 persone

Giudice di Napoli finito in carcere. In manette altre 4 persone

69
0
SHARE

La polizia ha arrestato un giudice del Tribunale di Napoli, il gip di Ischia Alberto Capuano, e altre quattro persone nell’ambito di un’indagine per corruzione. Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Roma, sono emersi contatti tra gli indagati e appartenenti alla camorra. Nell’operazione, denominata “San Gennaro”, gli agenti hanno eseguito anche una serie di perquisizioni. I cinque arrestati sono indagati anche per traffico di influenze illecite, millantato credito, tentata estorsione e favoreggiamento personale.
-Capuano, magistrato 60enne, è in servizio presso la sede distaccata di Ischia del tribunale di Napoli ed è stato arrestato assieme al consigliere circoscrizionale della X municipalità di Bagnoli (Napoli), Antonio di Dio, all’imprenditore Valentino Cassini e al pregiudicato Giuseppe Liccardo, ritenuto da investigatori ed inquirenti vicino al clan Mallardo di Giugliano. Gli arresti domiciliari sono invece stati disposti nei confronti di Elio Bonaiuto, avvocato del foro di Napoli.
Il giudice Capuano, già in passato, era finito al centro di una inchiesta ma la sua posizione dopo qualche anno venne archiviata. Il reato ipotizzato nei suoi confronti era stato di corruzione: gli inquirenti lo accusavano di avere agevolato alcuni noti imprenditori, i Ragosta, in cambio di favori. Il procedimento però fu archiviato dal gip di Roma su proposta della Procura capitolina. Anche l’avvocato Elio Bonaiuto, oggi destinatario di una misura cautelare ai domiciliari, circa una decina di anni fa, fu coinvolto in un’inchiesta riguardante un meccanismo fraudolento di salvataggio che un gruppo imprenditoriale proponeva ad aziende in difficoltà economiche.

Rispondi