Home Cultura Mariagrazia Cucinotta al Castello Arechi: io promotrice culturale in Campania

Mariagrazia Cucinotta al Castello Arechi: io promotrice culturale in Campania

410
0
SHARE

Si è conclusa in data odierna la mostra d’arte contemporanea presso il castello Arechi.

Vitalità, equilibrio e ritmo della figura caratterizzano le magnifiche sculture in bronzo di Lucio Olivieri, disposte all’ingresso della mostra con una scenografia mozzafiato di luci e colori. Si passa poi a Carlito Turchino e al suo acrilico, che dà vita a volti di figure femminili note e meno note, con i suoi toni pastello. E sono le figure femminili le protagoniste anche dell’arte di Paola Ruggiero, che dipinge nudi artistici dalle forme sinuose e sensuali. I colori e le fantasie di Antonello Capozzi catturano poi il visitatore con colature di colore. Esplosione di forme e colori per Alessandra Greco. A concludere il percorso della mostra al castello, i quadri di Domenico Villano che abbracciano un pezzo di storia dai miti della Pop art alla storia del cinema, a partire dal cinema muto di Charlie Chalplin, fino ad arrivare alla trilogia del dollaro di Sergio Leone.

Un percorso multisensoriale che consente ai visitatori di immergersi nell’arte in tutte le sue forme: dalla proiezione in 3d dei quadri della mostra, ad animazioni fantasmagoriche che danno l’idea di sprofondare nelle forme e nei colori di un muro in animazione. Immagini, proiezioni e musiche apprezzate molto anche dalla madrina dell’evento Mariagrazia Cucinotta, che ha filmato tutto con interesse.

L’itinerario abbraccia e coinvolge l’intero Castello Arechi, opera d’arte a sé stante, che trova nuova espressione nelle commistioni artistiche volute dagli organizzatori.

Scenario suggestivo, ospiti d’eccezione, buon cibo, location mozzafiato: componenti di rilievo che ruotano attorno alla protagonista assoluta dell’evento: l’arte contemporanea. Si potrebbe riassumere così l’evento di Re D’Italia Art tenutosi domenica 30 Settembre al Castello Arechi di Salerno e inaugurato al taglio del nastro da Mariagrazia Cucinotta: l’eleganza e la femminilità della madrina dell’evento sono state sottolineate dal suo ingresso trionfale in tailleur bianco nell’area adibita alla mostra presso l’imperiosa struttura d’origine medievale.

La Campania come punto di partenza, l’amore per l’arte e per la cultura e una lodevole scommessa: rinnovare l’immagine del patrimonio artistico-culturale italiano, associandolo all’arte contemporanea e scommettendo su nuovi talenti.

«Puntiamo sulla valorizzazione del turismo culturale e artistico della Campania – afferma il critico d’arte Marco Giordano – abbiamo incontrato tante difficoltà lungo il cammino, ma la voglia di cambiare le cose e di far rifiorire il territorio promuovendo i suoi talenti in giro per il mondo è tanta e non ci fermeremo. Stiamo progettando una nuova esposizione a New York».

A sorpresa, la Cucinotta ha ricevuto in dono un quadro a lei dedicato e realizzato per l’occasione da Domenico Villano. «È una delle mie foto preferite – ha affermato l’attrice – e i colori mi ricordano la mia Sicilia. Sono sempre contenta di venire al Sud a promuovere talenti e iniziative culturali meritevoli».

Dopo il successo della mostra a Salerno, la Re D’Italia Art continuerà a mettere in mostra le doti artistiche dei talenti italiani provenienti da Lombardia, Campania, Lazio e Puglia, che a breve potranno esporre le proprie opere presso una suggestiva location a New York.

Rispondi