Home Economia “E’ necessario ridurre il cuneo fiscale a beneficio di imprese e lavoratori”

“E’ necessario ridurre il cuneo fiscale a beneficio di imprese e lavoratori”

Lo ha detto il professor Vincenzo Laudiero, candidato con “Noi per l’Italia”, il gruppo che fa capo a Raffaele Fitto, alla Camera dei deputati, nel Collegio plurinominale Caserta-Santa Maria Capua Vetere-Aversa

122
0
SHARE

CASERTA – “Il nostro obiettivo è quello di ricostruire l’Italia. Il programma di “Noi con l’Italia” è un patto per un’alleanza tra cittadini e politica, un’alleanza fondata sulla serietà, la responsabilità e la concretezza.

Noi vogliamo riportare la persona al centro dell’azione politica per sostenere l’uguaglianza sociale”. Lo ha detto Vincenzo Laudiero, candidato con “Noi per l’Italia”, il gruppo che fa capo a Raffaele Fitto, alla Camera dei deputati, nel Collegio plurinominale Caserta-Santa Maria Capua Vetere-Aversa.

Cinquanta’anni, napoletano, sposato con due figli, laureato in Economia e Commercio e abilitato alla professione di dottore commercialista. La sua attività professionale si svolge tra Napoli, Caserta e Roma, concentrandosi prevalentemente nell’attività di tipo processuale, sia quale patrocinatore in seno alle Commissioni Tributarie, sia come consulente tecnico – d’Ufficio e di parte – in giudizi di carattere civile, amministrativo e penale.

E’ docente del Corso Superiore di Polizia Tributaria presso gli Istituti di Istruzione della Guardia di Finanza ad Ostia, in materia di bilancio.

Laudiero scende in campo per portare la sua esperienza soprattutto nel campo economico con l’obiettivo di aiutare le imprese e i lavoratori: “Bisogna ridurre il cuneo fiscale a beneficio di imprese e lavoratori – dice Laudiero – e per quel che riguarda la pubblica amministrazione bisogna modificare lo split payment rendendo neutra l’applicazione dell’Iva su tutta la filiera di produzione.

Inoltre, occorre valorizzazione la certificazione resa da professionisti e enti abilitati al fine di renderla sostitutiva dell’assenso delle Pubbliche amministrazioni”, ha concluso.

Rispondi