Home Musica Sanremo 2018, i vincitori sono: Ermal Meta e Fabrizio Moro.

Sanremo 2018, i vincitori sono: Ermal Meta e Fabrizio Moro.

749
0
SHARE

Ecco il podio con, al primo posto, i protagonisti dell’unico “caso” di questa edizione che ha tenuto banco per i primi giorni del festival. Sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con “Non mi avete fatto niente” i vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo. Al secondo posto Lo Stato sociale con “Una vita in vacanza”, terza Annalisa con “Il mondo prima di te”. Meta e Moro hanno scritto il testo di “Non mi avete fatto niente” dopo l’attentato di Manchester al concerto della popstar americana Ariana Grande. Negli ultimi giorni si era parlato molto della canzone perché era stata accusata di violare il regolamento del Festival in quanto molto simile a una canzone già presentata e poi scartata nel 2016 (e di cui Moro era autore). Alla fine la direzione del concorso aveva deciso che “Non mi avete fatto niente” poteva rimanere in gara.
“Nessun senso di rivalsa, solo tanta felicità” dicono i vincitori. “Non abbiamo mai pensato ai pronostici, se ci avessimo pensato saremmo entrati in ansia da prestazione”, dice Meta.
“È un palco che fa paura aggiunge Moro, ma quando vai su un palco pensi a fare quello che sai fare. Io ho cominciato a salire sul palco quando avevo sedici anni, ora ne ho quarantatrè”.
I vincitori Meta-Moro dichiarano:
“Volevamo dire una cosa importante: questo premio è anche di Andrea Febo, l’altro autore del brano. Voglio dedicare questa vittoria a mio figlio, dice Moro.
È un’ emozione indescrivibile. Lo dedico alla mia casa discografica che ha creduto in me quando nessun altro lo faceva, dice Meta.
Fabrizio Moro ha 43 anni, è nato a Roma nel quartiere San Basilio, e i genitori sono di origini calabresi. Il suo nome vero nome è Fabrizio Mobrici. Iniziò a fare musica negli anni Novanta e ha partecipato al Festival di Sanremo sei volte: la prima volta nel 2000, con la canzone “Un giorno senza fine” e nel 2007 con la canzone “Pensa”, che parlava delle vittime di mafia. Con “Pensa”, Moro vinse la sezione riservata ai “Giovani”, oltre al premio della critica intitolato a Mia Martini.
Ermal Meta (è il suo vero nome) è nato in Albania e vive in Italia da quando aveva 13 anni: si trasferì a Bari, in Puglia, insieme alla famiglia. Iniziò a fare musica facendo il chitarrista nel gruppo Ameba 4, che partecipò al Festival di Sanremo del 2006 nella sezione dedicata ai giovani: la canzone si intitolava “Rido… forse mi sbaglio”. Sempre insieme agli Ameba 4, incise un album per l’importante Sugar Music, la casa discografica di Caterina Caselli. Poco dopo l’uscita di quell’album il gruppo si sciolse e nel 2007 Meta fondò il gruppo La Fame di Camilla, che si sciolse nel 2012. Oltre che cantante è anche un apprezzato compositore: ha scritto canzoni per Patty Pravo, Marco Mengoni, Emma, Giusy Ferreri e Francesca Michielin, tra gli altri.
• GLI ALTRI PREMI
Ron ha vinto il premio della critica con il brano “Almeno pensami”. Il premio della sala stampa è andato a Lo Stato sociale. Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico hanno ottenuto il riconoscimento “Sergio Endrigo” alla migliore interpretazione. Il premio Sergio Bardotti per il miglior testo è stato vinto da Mirkoeilcane, mentre il premio Bigazzi alla miglior composizione musicale è andato a Max Gazzè. Il premio Tim Music alla canzone più ascoltata, infine, è stato vinto da Ermal Meta e Fabrizio Moro.

Rispondi