Sponsor by

Amazon il colosso dell’e-commerce, ha registrato in Europa 44 miliardi di ricavi senza aver pagato nemmeno un euro di tasse. Questo è quanto riportato dal quotidiano britannico “The Guardian”. La sede Europea dell’azienda ha denunciato ricavi per 44 miliardi di euro, circa 12 miliardi in più rispetto all’anno scorso. I guadagni sono frutto delle vendite effettuate in Italia, Francia, Olanda, Germania, Spagna, Polonia e Svezia. Sempre secondo il quotidiano, nonostante Amazon ha avuto 44 miliardi di ricavi, il colosso ha chiuso il bilancio annuale con 1,2 miliardi di euro di perdite. Oltre ad un credito di imposta di 56 milioni di euro che si aggiunge ad altri sconti concordati tra azienda e fisco di Lussemburgo. Tutto ciò farà in modo che la società non deve versare nulla nelle casse del fisco. Come ricorda però il corriere della sera dal 2017, l’UE e il Lussemburgo, sono in contrasto per 250 milioni di euro di agevolazioni concesse ad amazon e ritenute indebite da Bruxelles. Questi soldi l’UE chiede al Lussemburgo di farseli restituire. La commissione europea ha inoltre rilasciato queste dichiarazioni: “Non entriamo nei dettagli. In linea generale la Commissione ha adottato un’agenda molto ambiziosa in materia di fiscalità e contro le frodi fiscali, nelle prossime settimane pubblicheremo una comunicazione”.
L’azienda ha replicato in questo modo: “AMAZON PAGA TUTTE LE TASSE RICHIESTE IN OGNI PAESE IN CUI OPERA”. “L’imposta sulle società si basa sui profitti, non sui ricavi, e i nostri profitti sono rimasti bassi a seguito dei nostri ingenti investimenti e del fatto che la vendita al dettaglio è un’attività altamente competitiva e con margini ridotti”.

“Abbiamo investito ben oltre 78 miliardi di euro in Europa dal 2010 e gran parte di tale investimento è in infrastrutture che creano molte migliaia di nuovi posti di lavoro, generano entrate fiscali locali significative e supportano le piccole imprese europee con programmi come Fulfillment by Amazon – ora abbiamo 60 centri logistici, oltre 100 uffici aziendali e centri di sviluppo e oltre 135.000 dipendenti a tempo pieno in tutta Europa”. “E ci sono oltre 100.000 venditori terzi con sede nell’UE che utilizzano i nostri servizi per raggiungere nuovi clienti e far crescere le loro attività. Gestiamo questa attività paneuropea dalla nostra sede in Lussemburgo, dove abbiamo oltre 3.000 dipendenti e siamo in crescita, incluso il nostro team di dirigenti senior”.

Sponsor by