Sponsor by

Lunedì era stata diffusa la notizia del suo ricovero, oggi all’età di 65 anni è morto il presidente del parlamento europeo Davide Sassoli.

I funerali si svolgeranno venerdì 14 gennaio alle 12 nella chiesa di Santa Maria degli Angeli in piazza della Repubblica, a Roma.
In pochi mesi è stato sottoposto a due ricoveri, il primo per legionella, il secondo per una complicanza dovuta ad una disfunzione del sistema immunitario.

“L’impegno di Sassoli ha avuto al centro un’idea della politica come servizio per i cittadini. Il suo impegno principale da parlamentare europeo e presidente del Pe, quasi un’ossessione, è stata quello di riavvicinare le istituzioni europee ai cittadini, cioè di costruire un legame, di dare dignità all’istituzione Parlamento europeo”, ha ricordato il portavoce Roberto Cuillo. “Sassoli – ha poi aggiunto – era un nativo democratico ed ha cercato sempre di rappresentare questa identità nuova al Paese. Credeva fortemente nell’allargamento del fronte progressista anche su basi nuove politiche, culturali e sociali”.
Sposato e padre di due figli, tifoso della Fiorentina, Sassoli viveva a Roma, la sua vita era divisa tra il giornalismo e la politica, prima è stato giornalista di Tg1 e poi presidente del parlamento europeo, dividendosi tra Roma, Bruxelles e Firenze.

Sponsor by