Sponsor by

Italia trasporto aereo (Ita) è pronta a partire dal prossimo 15 ottobre. La nuova compagnia aerea potrebbe assumere 2.800 lavoratori Alitalia nel 2021 e 5.750 nel 2022. L’incontro tra governo italiano e Commissione europea, si è concluso nel migliore dei modi. Ita prenderà il posto di Alitalia e, come chiesto dalla Commissione, ci sarà discontinuità tra le due compagnie. L’accordo prevede interventi per la riduzione di costi, slot e aerei. Nel dettaglio, l’intesa permette alla newco di acquisire il ramo “aviation” di Alitalia tramite trattativa diretta. Ma come richiesto dalla Commissione, la flotta verrà più che dimezzata e portata a 52 aerei. A fine 2025 invece la flotta crescerà sino a 105 aerei(23 wide body e 82 narrow body), con 81 aeromobili di nuova generazione (pari al 77% della flotta totale) che consentiranno di ridurre significativamente l’impatto ambientale e ottimizzare efficienza e qualità dell’offerta. Almeno inizialmente Ita servirà le rotte che risultano essere più proficue, per poi aumentare con il tempo il suo raggio d’azione.  Sulla rete di lungo raggio, nella stagione IATA Winter 2021 Ita opererà collegamenti su New York (da Roma e Milano), Tokyo Haneda, Boston e Miami (tutte e tre da Roma), ma già con la stagione IATA Summer 2022 la compagnia prevede di avviare nuovi voli su San Paolo, Buenos Aires, Washington e Los Angeles. “Con Ita nasce una nuova importante compagnia aerea italiana, con significative prospettive di sviluppo e che sarà in grado di competere sul mercato nazionale e internazionale – ha commentato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili Enrico Giovannini – Ita sarà in grado di offrire risposte alle nuove esigenze del trasporto aereo, in un’ottica sempre più intermodale, integrata con il trasporto ferroviario, guardando con grande attenzione ai principi dello sviluppo sostenibile, in un’ottica di innovazione e digitalizzazione, in linea con i principi europei alla base del Piano nazionale di ripresa e resilienza”.

Sponsor by