Sponsor by

E’ successo a Marano, in un comune di Napoli, Paolo Di Maro 72 anni, un noto perito agrario della zona, ha contratto il Covid ed è poi morto, nonostante avesse ricevuto doppia dose del vaccino AstraZeneca. L’uomo infatti aveva da poco completato il ciclo vaccinale ricevendo il richiamo quando ha iniziato ad accusare spossatezza e forti mal di testa. Inizialmente tutti pensavano fossero gli effetti del vaccino, ma a distanza di una settimana, perdurando i sintomi, l’uomo si decide a fare un tampone e difatti risulta essere positivo. Stessa sorte anche per la moglie (anche lei vaccinata con doppia dose Pfizer), i due figli e il genero. Le sue condizioni si sono in breve tempo aggravate tanto da richiedere un’ospedalizzazione e, il 2 luglio, un trasferimento in terapia intensiva. I medici gli hanno effettuato una Tac che dal punto di vista polmonare mostrava una situazione sempre più grave. Nei sette giorni successivi il quadro clinico è ulteriormente peggiorato tanto da far sopraggiungere il decesso alle 7 di mercoledì 14 Luglio. In attesa di capire cosa sia realmente successo, si ipotizza che l’uomo fosse già asintomatico prima che gli iniettassero la seconda dose di vaccino, al che quest’ultimo avrebbe aumentato la carica virale fino a portare al decesso. Resta lo sconcerto e il dolore per i familiari, in una situazione che ha sconvolto tutti dove resta ancora molto da chiarire.

Sponsor by