Sponsor by

No-Vax e No-Green Pass, minacciano di tornare a Roma sabato.
Il senso di questa minaccia è chiaro: dal 15 ottobre ci saranno nuove misure, e i No-Vax e No-Green pass sono pronti a scendere in piazza.
E’ nelle pagine social e nelle chat che emerge l’intento di questa manifestazione: ovvero quello di creare resistenza per opporsi al Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro, nei posti al chiuso ecc.
Sabato dunque ci sarà allerta massima al Viminale poiché si teme una manifestazione da parte di no vax e no Green Pass.
Secondo la ministra Lamorgese, dopo i fatti dello scorso 9 ottobre, l’attenzione è altissima sui soggetti già censiti per reati e condotte similari, ma sabato Roma potrebbe essere inondata da soggetti incensurati e non censibili: persone comuni, dipendenti pubblici. Sabato è anche in programma la manifestazione della Cgil e c’è il timore che le due folle si incontrino.
I primi a scendere in piazza saranno alle 14 i lavoratori chiamati a raccolta dai segretari generali di Cgil, Cils e Uil che hanno indetto una manifestazione “nazionale e antifascista” chiedono lo scioglimento per “legge di tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste. In piazza, a San Giovanni, sono attese molte realtà di sinistra, anche estrema”. Si temono quindi anche scontri con le forze dell’ordine.
La situazione è dunque monitorata continuamente, nelle chat inoltre i Green-Pass affermano: “basta alla dittatura sanitaria”.

Sponsor by