due-emme banner

Non sono certe belle notizie quelle che vede coinvolti tre virologi star delle televisioni nazionali. Il Codacons di Reggio Calabria ha infatti denunciato alla locale Procura della Repubblica l’infettivologo Matteo Bassetti, il microbiologo Roberto Burioni e il virologo Fabrizio Pregliasco per “pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico; propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa; istigazione all’odio tra le classi sociali; boicottaggio”.
Fonte: https://codacons.it/scatta-la-denuncia-per-i-virologi-star/

Questi i reati ravvisabili in svariate dichiarazioni pubbliche rese dai tre medici nelle scorse settimane a proposito della campagna vaccinale anticoronavirus e messi nero su bianco nella querela presentata dalle avvocatesse Antonia Condemi e Serena Denise Albano, vertici dell’associazione dei consumatori reggini. «Dichiarazioni di una gravità inaudita» che presentano «svariati profili di illeceità penale» per le due legali di Reggio Calabria, testualmente riportate nell’atto depositato in Procura per conto di alcuni cittadini.

LE MOTIVAZIONI

«Esponenti della comunità scientifica onnipresenti in Tv, anziché nei reparti ospedalieri» vengono definiti i tre esperti di fama nell’esposto del Codacons, che nell’invitare tutti i cittadini a denunciare «qualunque atto discriminatorio lesivo dei propri diritti fondamentali» preannunciano di essere già al lavoro per «depositare ricorsi in caso di licenziamento dei lavoratori che scelgono legittimamente di non sottoporsi al farmaco» e garantire assistenza legale a «tutte le attività commerciali che altrettanto legittimamente decideranno di non richiedere il green-pass».

Il Codacons ritiene inaccettabile che: “l’imposizione di qualunque forma, esplicita o mascherata, di obbligo vaccinale e relative limitazioni alle libertà individuali per chi sceglie di non sottoporsi a inoculazione. Una discriminazione che violerebbe principi giuridici costituzionali e comunitari.”

Codemi e Albano: «dopo un anno e mezzo di bavagli, restrizioni, distanziamento sociale,e martellamento mediatico fondato su un unico ed universale crisma scientifico» non hanno potuto fare a meno di chiedersi «per quale ragione i mezzi di comunicazione di massa, dalla carta stampata alle televisioni nazionali abbiano volutamente escluso il dibattito su temi di rilevanza fondamentale per la stessa vita umana: qual è il diritto alla salute del singolo».

Le avvocatesse stigmatizzano «l’enorme anomalia di tale sistema comunicativo e di informazione che si accanisce immotivatamente, ma con uno scopo ben preciso, contro tutti coloro che, dotati di piena capacità di intendere e di volere e di raziocinio, hanno avuto l’ardire di porre domande e che per questo sono stati tacciati, etichettati, scherniti ed addirittura ghettizzati. Queste “categorie” di persone che non aderiscono a ciò che gli viene imposto (con atti amministrativi, illegittimi perché incostituzionali)in quanto non ne comprendono il senso e talora finanche’ la logica, diventano “negazionisti”, “complottisti”, “no vax”, “dissidenti”, insomma: gente da tenere alla larga. Queste persone, untori della collettività, devono essere “controllate”e “punite”».

Questa sorta di “discriminazione “è intrinseca all’obbligo di green pass che prevede una serie di restrizioni dei diritti fondamentali dei cittadini in spregio della Costituzione Italiana ma anche di norme sovranazionali quali il regolamento Ue 2021/953 che testualmente recita.

“È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti Covid-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate ma anche verso chi per scelta non è vaccinato”.
Sono questi i motivi della querela ai tre esperti “ospiti fissi dei talk da inizio pandemia.

“Abbiamo ritenuto di dover portare a conoscenza dell’autorità giudiziaria il ricatto mediatico che i cittadini sono costretti a subire, terrorizzati dalla paura di non poter più lavorare, studiare o semplicemente mangiare una pizza se non sottoposti alla sperimentazione”.
Anche i vertici del Codacons reggino dichiarano guerra al covid-mainstream.