Spalletti, ecco la presentazione in diretta: Vi spiego perché ho scelto il Napoli

0
18
Sponsor by

«Il Napoli è una squadra forte, sono curioso di lavorarci il prima possibile per vedere fino in fondo quanto ne sono consapevoli i calciatori. Essere forti, se non sai di esserlo, a volte non basta. È una cosa che capirò strada facendo: da quando so di essere allenatore del Napoli non ho tolto mai gli occhi di dosso alla squadra».
«Non chiedo nulla per me, ho già tutto. Sono stato un po’ a casa in campagna, ho rinforzato un po’ la mia camminata perché c’è tanta strada da fare. Il mio lavoro mi piace quindi sono emozionato ogni volta che entro in campo o in uno spogliatoio. Sono stato felice dal primo momento: ho una squadra forte e una città forte. Con Napoli completo un po’ il mio tour dell’anima. Ho allenato nella città del Papa a Roma, a Milano che è la città della moda, a San Pietroburgo che è la città degli Zar. Sono orgoglioso di essere qui, dove ha giocato anche Maradona. A Napoli il calcio e i miracoli sono la stessa cosa, io e questa squadra vogliamo farci ricordare dalla città». «Per far innamorare i tifosi dobbiamo solo fare risultato, non c’è altra strada” Dice Spalletti.
Il Napoli che vorrebbe Spalletti:
«Il 4-2-3-1 sarà la base. Ma contano i calciatori e le loro qualità, fanno la differenza. Dovremo essere bravi a far tutto, come le grandi squadre fanno. L’importante sarà agire di squadra sempre, essere aggressivi quando servirà o mettersi a disposizione dei compagni. In una partita servono tante cose. Il gol è la cosa più importante, ma il lavoro intorno aiuta tutti».
Lunedì ci sarà l’incontro tra Spalletti e la squadra a Castelvolturno.
L’allenatore sarà insieme alla squadra per qualche giorno.

Guarda la diretta qui >
Diretta Spalletti

Sponsor by