Sponsor by

Il giorno della laurea per ogni ragazzo o ragazza è un giorno di festa, tranne per Emma Sulkowicz. La studentessa si è laureata a New York con il materasso su cui era stata stuprata. La ragazza, violentata da un suo compagno di studi, aveva denunciato il fatto alle autorità universitarie. Inutilmente. Da ciò è nata la protesta. Il problema degli stupri nei campus universitari o di college è diffuso. Il presidente degli Stati Uniti Obama nello scorso anno ha dovuto aprire una commissione d’inchiesta, sul’onda di molti casi avvenuti in importanti università come: Yale, Dartmouth e Florida University. Oltre alla violenza che subiscono le vittime, c’è il silenzio assordante dei senati accademici che per salvare il buon nome dell’ateneo cerca di insabbiare o di sviare l’accusa parlando di se

Emma con il materasso dove è avvenuto lo stupro il giorno della laurea
Emma con il materasso dove è avvenuto lo stupro il giorno della laurea

sso non consensuale invece che di stupro. Emma ha subito lo stesso trattamento, sia l’università di New York che la polizia non ha creduto a lei ma alla tesi del suo aguzzino, che invece afferma che era stato un rapporto consensuale. Lo studente incriminato e scagionato Nungesser, ha fatto causa al proprio ateneo, accusandolo di aver consentito alla Sulkowicz di insultarlo e denigrarlo.

Ciro Florio

Sponsor by