Sponsor by

Ottime notizie sul futuro della nostra economica. Secondo l’Istat sono i dati migliori degli ultimi 16 anni per quanto riguarda la fiducia delle imprese e delle famiglie. Filomena Greco sul Sole 24 Ore.

«Da un lato, la manifattura che continua a recuperare terreno tanto da alimentare quel rimbalzo che vale da inizio anno – e fino al mese di maggio – un aumento del giro d’affari del 5,3% rispetto ai livelli pre-Covid di gennaio-maggio 2019. Dall’altro, un balzo dell’indice di fiducia a luglio sia per le famiglie che per le imprese, con il valore più elevato di tutta la serie storica (l’indice è calcolato da marzo 2005). La fiducia L’ultima rilevazione dell’Istat fa emergere come nelle costruzioni, nei servizi e nel commercio al dettaglio l’indice composito di fiducia registrato nel mese di luglio aumenti in maniera decisa, rispettivamente da 153,6 a 158,6, da 107,0 a 112,3 e da 107,2 a 111,0, mentre nel comparto manifatturiero l’incremento è pari a circa un punto, da 114,8 a 115,7, con un miglioramento soprattutto dei giudizi sugli ordini. Bene le attese relative ai servizi – in netto recupero i giudizi su ordini e andamento degli affari – e al commercio, dove le attese sulle vendite sono in miglioramento. L’indice di fiducia dei consumatori poi continua la risalita registrando un picco da settembre 2018. La crescita è trainata dal miglioramento dei giudizi sia sulla situazione economica generale sia su quella personale. La spinta della manifattura In questo contesto di forte spinta in avanti dell’industria si inserisce l’analisi della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e da Prometeia sui settori manifatturieri italiani, che stanno recuperando più in fretta, e in maniera più brillante, rispetto a Germania, Francia e Spagna. L’indagine mette sotto la lente d’ingrandimento i diversi comparti produttivi e fa emergere un dato su tutti: nei primi cinque mesi dell’anno il manifatturiero italiano ha consolidato la ripresa del fatturato superando i livelli pre-Covid grazie alla spinta del mercato interno e dei mercati internazionali».

Sponsor by